Storie di Mille Battute

Tutte le nostre storie, raccolte nei viaggi di una vita. Reportage di esperienze vissute sul campo, raccontate con immagini e parole.

Quante frottole

Quante frottole
28 03, 2017
BACKSTAGE

Workshop Bucarest Porno Bloc - Romania Testo e immagini di Filomena Oppido


Galleria fotografica


Storia in Mille Battute

Sui tetti della città cade una pioggia sporca e impietosa. Bucarest l’ho mollata a soli vent’anni, allora studiavo chimica. In Italia faccio la badante. Noi rumene siamo buone solo a pulire il culo ai vecchi e spingere carrozzine nei parchi. Cammino a passo spedito in questa città violata in tutte le sue architetture, palazzi in stile liberty affiancati a bloc di cemento e fiammate di capitalismo. Nessuna possibilità di riscatto, o forse no? Muri sventrati ricoperti di murales coloratissimi: i giovani non si arrendono all’ordinaria realtà. Guardo fuori dal finestrino, stazione di Eroilor, il treno corre verso il Parco Nord. Mercato di Obor puzza di cavolo bollito e nausea. Due donne, sguardi spenti, stringono in una mano fiori di plastica e collant, volti fermi nel tempo su sfondo verde smeraldo. Un’anziana con un cappellino di lana in testa, mi cattura con i suoi occhi blu. Mi sorride. Quanta grazia. A volte per andare avanti bisogna guardarsi indietro.

Filomena Oppido, 2017

Filomena Oppido

Filomena Oppido, potentina di nascita e milanese d'adozione, dipinge e scrive sin dai tempi della scuola.
Per anni si è occupata di editoria, prima a Modena e poi a Monza dirigendo testate locali per conto della GMP del Gruppo L’Espresso, continua nel frattempo ad occuparsi anche di arte pittorica, il suo sito. www.filomenaoppido.it offre una sintesi delle sue principali opere.
Dopo aver frequentato i corsi della Scuola Holden diviene a sua volta organizzatrice di workshop di scrittura creativa in giro per l’Italia. Appassionata di psicologia e letteratura, coltiva la sua scrittura ironica e viscerale.

“Adoro viaggiare in luoghi nuovi e perdermi nei vicoli di città sconosciute con una macchina fotografica al collo. Mi piace leggere Philip Roth e mi perdo nell’ ascoltare il concerto per pianoforte numero3 di Rachmaninov dopo il tramonto.”

Ultimi da Filomena Oppido

5 commenti

  • Link al commento arturo Domenica, 16 Aprile 2017 18:24 inviato da arturo

    Flash di anime dimenticate che propongono un mosaico emotivo ricco delle virtù di pochi.
    Brava Filomena! continua ad emozionarci
    Arturo

    Rapporto
  • Link al commento Debora Venerdì, 31 Marzo 2017 15:33 inviato da Debora

    Un frammento di vita in un racconto così fluido e con delle immagini così vive che per un'attimo, ti sembra di averlo vissuto,quel frammento di vita...

    Rapporto
  • Link al commento Viola Venerdì, 31 Marzo 2017 05:07 inviato da Viola

    Bel racconto e belle foto.

    Rapporto
  • Link al commento Laura De Gregorio Giovedì, 30 Marzo 2017 19:24 inviato da Laura De Gregorio

    Bel racconto, in pochissime battute si riesce a cogliere il personaggio. Belle anche le foto, una Bucarest inedita.

    Rapporto
  • Link al commento Valeria Giovedì, 30 Marzo 2017 14:46 inviato da Valeria

    Bello ed intenso

    Rapporto

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Scrivici a

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

mailing list

I nostri Social Network

Seguici su facebook

Seguici su Instagram

Seguici su Twitter

Questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Per maggiori informazioni clicca sul pulsante "Informativa". Se sei d'accordo clicca sul pulsante "Accetto".