Cuba due realtà per due monete

Cuba due realtà per due monete
27 06, 2019
BACKSTAGE

Un viaggio a Cuba in occasione della Biennale di Arte Contemporanea della Habana e della Celebrazione del Primo Maggio TESTO e IMMAGINI di Giuseppe Valleggi.


Galleria fotografica


Storia in Mille Battute

La Habana ci accoglie con il suo vestito migliore; un vestito bianco, come bianco è il colore dei santeri Orisha, profumata come è profumato il fumo del sigaro, inebriante come sono inebrianti le esalazioni del rhum.
Tutto questo, sempre e ovunque accompagnati dal ritmo della salsa.
Passeggiamo investiti da una calura umida che ci segue passo dopo passo senza mai abbandonarci.
Ci inoltriamo nella zona più turistica, costellata di chiese, monumenti, splendidi palazzi coloniali da poco ristrutturati, ristoranti, semplici bar e bar famosi come la Bodeguita del Medio e il Floridita, all’interno dei quali scorrono fiumi di Mojito e Daiquiri nel ricordo dell’intramontabile mito di Ernest.
Ci inoltriamo nei meandri dei vecchi quartieri dell’Habana Vieja e del Vedado dove risiede la maggioranza del popolo cubano; quartieri costituiti da stretti vicoli affollati con abitazioni modeste e possenti inferriate alle porte ed alle finestre; è qui che le persone vivono, studiano, lavorano e ascoltano musica.
Ogni appartamento, ogni finestra affaccia sulla strada e chi percorre il vicolo ha la sensazione di fare parte di quello che avviene oltre la porta.
Ci imbattiamo in una realtà totalmente diversa da quella incontrata nelle zone più conosciute e maggiormente frequentate.
In questi vicoli stretti e bui abbiamo la sensazione che il paese aiuti a sopravvivere, garantendo al popolo i servizi essenziali, ma è altrettanto evidente lo stato di degrado nel quale si sopravvive.
La gente ci osserva in silenzio, evidenziando una notevole dignità, sempre pronta al dialogo.
Ci sentiamo accolti, benvoluti ma lontani dal loro mondo.
Osserviamo, cerchiamo di capire, curiosiamo nei pertugi della loro vita.
Ci pervade un senso di impotenza, ma di enorme rispetto e ammirazione verso queste persone che lavorano, si arrangiano e cercano di vivere al meglio delle loro possibilità.
Qui si balla, si pratica sport, si fumano sigari e si beve rhum.
E il tempo passa nel ricordo di una storia scolpita ovunque.

Giuseppe Valleggi, 2019

Giuseppe Valleggi

Tutte le storie di Giuseppe Valleggi

Ultimi da Giuseppe Valleggi

Altro in questa categoria: « Primo Maggio

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Scrivi a Mille Battute

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

mailing list

Social Network

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Per maggiori informazioni clicca sul pulsante "Informativa". Se sei d'accordo clicca sul pulsante "Accetto".